iNDiEBAR -

NEW PODCAST

06 Under The Influence

Nella puntata di oggi torniamo ai giorni nostri con ascolti contemporanei, selezionati anche grazie all’ispirazione dei programmi radio che preferiamo, come quelli della BBC6 condotti da Iggy Pop, Marie Anne Hobbs, Steve Lamacq, Lauren Laverne. Si tratta di alcuni ascolti con pregiudizio, in pratica qualcuno ce li ha suggeriti e ne abbiamo risentito dell’influenza. E’ […]

The Smashing Pumpkins, Monuments To An Elegy – 0/5

Cosa ne pensiamo:

Il mio caro amico Fulvio, anch’egli grande appassionato delle “zucche schiaccianti” come me, mi scrive all’improvviso su Whatsapp: “trovo che l’ultimo album degli Smashing Pumpkins sia offensivo, per le mie orecchie e la sua carriera”.
A dire il vero dopo la dipartita di James Iha e Jimmy Chamberlin non li ho proprio più seguiti e non sapevo nemmeno avessero avuto il coraggio di pubblicare un disco sotto questo nome, con il solo Billy Corgan della formazione originale.
Mi tolgo quindi la curiosità e ascolto, su uno di quei servizi di streaming a pagamento, l’intero album.

…e un vago senso di vuoto mi colora” (cit.)

Ma, dico: che cosa gli salta in mente a Billy Corgan di usare il nome degli Smashing Pumpkins per fare un disco del genere? Perchè mettere nello stesso scaffale di Siamese Dream e Mellon Collie … cotanta pochezza? Non poteva chiamarsi Composing Cucurbits? Almeno si sorrideva…

Che dire? Un disco piatto, privo di quei lampi di genio che hanno consacrato la band di Chicago, Illinois, tra le migliori di sempre, per il loro sound unico ed irripetibile. Per l’appunto…
32 minuti di stitichezza creativa ben rappresentata da una copertina confusa, sbiadita a tratti incomprensibile.

Dimenticatevi le chitarre psychedeliche di “Hummer”, la batteria incalzante di “Rocket”, la texture di chitarra di “Bullet With Buttefly Wings”. Ricordatevi solo “Zero”, una delle loro canzoni migliori di sempre. Zero, appunto, quello che sono inevitabilmente diventati…

Da evitare se…
….siete dei fan degli SP come chi vi scrive, se pensate che Siamese Dream e Mellon Collie.. siano tra i 1001 album migliori di sempre, se siete nati prima del 1979 e quindi avete fatto in tempo ad ascoltare le “zucche” prima della loro pochezza finale.
Best track:
nessuna

Voto: 0/5, un voto, una condanna. Che fosse solo una visione quella di Billy Corgan?

Lest we forget

Tracklist

1. "Tiberius" 3:02
2. "Being Beige" 3:39
3. "Anaise!" 3:33
4. "One and All (We Are)" 3:44
5. "Run2Me" 4:08
6. "Drum + Fife" 3:54
7. "Monuments" 3:30
8. "Dorian" 3:45
9. "Anti-Hero" 3:20

  • Titolo: Monuments To An Elegy
  • Artista/Band: The Smashing Pumpkins
  • Anno di pubblicazione: 2014
  • Etichetta: BMG