iNDiEBAR -

NEW PODCAST

09: Album Of The Year 2018

Come ormai consuetudine al volgere dell’anno nuovo ci voltiamo indietro e analizziamo i 12 mesi appena trascorsi e stiliamo la nostra classifica, che viene anche pubblicata su Indie For Bunnies, la webzine di Musica indie con la quale collaboriamo da sempre. Anche in questa occasione vi offriamo la nostra classifica, con il più classico dei […]

Blonde Redhead, Barragàn – 5/5

Cosa ne pensiamo:

Chi ci segue da tempo sa che abbiamo un debole per Kazu Machino e la sua voce eterea che riempie maliconicamente i vuoti. Un pò come gli edifici di Luis Barragàn, dalle linee essenziali e scomposte, che l’architetto messicano progettò nel secolo scorso che hanno colpito la cantante asiatico/newyorkese.

Il gioco di questa nona fatica del trio di NYC è proprio il continuo accostamento di vuoti e pieni, come fossero elementi architettonici strutturali e decorativi a seconda. Quella linea di basso minimale a tratti scomoda i Pixies di “Gigantic” (Cat On Tin Roof). Quella voce nel vuoto ricorda a tratti Jonsi.

Se i nostri volevano spiazzarci, beh, ci sono riusciti alla grande. Bisogna ascoltarlo alcune volte per apprezzarlo e capire la sua scarna struttura che tanto somiglia agli edifici dell’architetto cui si ispira.

Da evitare se…

…vi aspettate di ascoltare il sequel di “Mysery Is A Butterfly”.

Best track:

Dripping

Voto: 5/5, forse eccessivo per chi non ha in giro nemmeno un video ma tant’è

 

Tracklist

01. Barragán
02. Lady M
03. Dripping
04. Cat On Tin Roof
05. The One I Love
06. No More Honey
07. Mind To Be Had
08. Defeatist Anthem (Harry and I)
09. Penultimo
10. Seven Two

  • Titolo: Barragàn
  • Artista/Band: Blonde Redhead
  • Anno di pubblicazione: 2014
  • Etichetta: 4AD